La scelta delle coperte non è un affare di poco conto e la numerosa varietà di genere amplifica l’accuratezza con cui procedere alla selezione. Dai plaid, coperte di dimensione più ridotte, ai piumini o piumoni che variano nome a secondo del materiale, l’iter che precede l’acquisto è sì arduo.

Gli elementi utili a facilitare la scelta del capo da letto ideale e la sua quailtà, sono diversi a partire dal tipo di imbottitura, la grandezza, il calore, la sensazione che si ha al tatto, il materiale.
Quest’ultimo punto, il materiale, apre una serie di approfondimenti: le coperte possono essere realizzate in cotone per le mezze stagioni, in lana o ciniglia per l’inverno e i periodi più freddi, in lino per l’estate, in materiali sintetici, tessuti alternativi o cotone biologico. Il plaid, altro elemento immancabile delle nostre case, può essere realizzato in pail, cotone e lana, a seconda del materiale, varia l’utilizzo stagionale.

Nel caso la scelta definitiva ricada sul piumino o piumone Patiflex, subentra un elemento d’accompagnamento immancabile: il copripiumino, serve ad evitare il contatto diretto con la pelle e a proteggere il piumino dal sudore, dalla polvere e dai batteri.
Il piumino è normalmente di colore bianco o neutro e il copri piumino, come detto sopra, funge da rivestimento e contenitore. Il binomio piumino-copripiumino, inoltre, elimina il lenzuolo superiore con netta facilitazione nel rifare il letto: un solo e facile gesto e il letto è pronto.

I copripiumini sono di norma in 100 % cotone, cotone raso sateen, flanella o in seersucker, materiale che non è necessario stirare. Di solito, il copripiumino è dotato di pratica cerniera (zip) per impedire la fuoriuscita del piumino stesso. La cultura del piumino deriva dai paesi freddi del Nord e, per potersi avvolgere completamente con il piumino in un letto matrimoniale, si utilizzano, di norma, due piumini singoli, uno per persona. Oltre al confort personale, questo modo di “vestire” il letto conferisce un bell’effetto estetico alla camera da letto.

Le trapunte, al contrario dei piumini, non necessitano di copertura, devono essere più grandi del letto per avvolgere il “dormiente”.
La trapunta è più grande del piumino e copre tutti i bordi del letto proprio come un copriletto. La trapunta non necessita di copripiumino perché è decorata, sin dal confezionamento; si rende, però, necessario l’utilizzo del lenzuolo superiore.

Ci sono casi di doppio piumino in abbinamento, uno leggero e uno medio, che possono essere impiegati insieme o singolarmente. Così si hanno più prodotti e usi in uno, con gradi di calore progressivamente crescenti (leggero, medio e pesante) da usare nelle diverse stagioni e a seconda delle esigenze.

Passando all’imbottitura la piuma d’oca è certamente la più pregiata tra tutte. I piumini o trapunte, possono avere anche un’imbottitura sintetica.

La “piumina” è il tipo di piumaggio più ricercato, perchè leggero e isolante termico (cattura l’umidità corporea che produciamo fino a mezzo litro in una notte). Quest’imbottitura proviene dal sotto-collo e dal sotto-ala del volatile ed è costituita solo dai “fiocchi” o barbigli e non dalle piume contenenti il rachide (ossia lo stelo centrale). I pennuti adatti per ottenere la piumina sono le anatre ma, soprattutto, le oche, preferibilmente dei paesi molto freddi come Canada, Siberia e anche Polonia.

La “piumetta”, invece, è il piumaggio ottenuto dalle piume contenenti il rachide centrale. Nella sua flessibilità e nella funzione di isolante, la piumetta non raggiunge risultati eguagliabili alla piumina. Per questo è bene che il piumino abbia un valore di piumetta di massimo il 30%.

La tendenza generale ritiene prodotti inferiori il piumino o la trapunta sintetici, I corposi progressi nel campo dei materiali tecnici, però, ha consentito di eguagliare o quasi il prodotto naturale. Ci sono, infatti, ottimi piumini sintetici e l’imbottitura sintetica consente un vantaggio molto importante: lavare più frequentemente il piumino senza che questo si rovini, l’asciugatura è molto più veloce.
Per emulare la capacità traspirante del della piuma d’oca i piumini sintetici hanno un’elevata percentuale di fibra di cellulosa.

Alla gamma dei piumini e trapunte appartengono anche quelli con imbottitura in fibra naturale: cotone, kopar e canapa.